Luoghi

La rete  ha aperto gli spazi della comunicazione, rende inessenziale la presenza di spazi fisici deputati a luoghi d’incontro. Le persone non hanno più bisogno di spazi fisici entro i quali consumare il proprio bisogno di comunicazione.
Lettere immagini video scatenano sensazioni alla velocità della luce.

I luoghi  virtuali sono tuttavia luoghi “selettivi”, aperti ma selettivi.
Ci  si incontra perché si condividono gli stessi interessi,  o si ha  la stessa visione del mondo.
Età, sesso , religione, cultura, interessi, tendono  a definire  quanto più possibile il nostro profilo.
Per cosa? Per essere identificato, per diventare un “target”.
Anche le relazioni sono guidate dal target.
Interazioni autistiche di uomini e di donne segnate dal profilo.
E sui “profili” investono miliardi di dollari le multinazionali per creare clienti “fidelizzati”.

Sono passati molti anni da quando giovani e vecchi,  bianchi e rossi giocavano allo stesso tavolo con le stesse carte.
In quegli spazi fisici, piazze paesane, circoli, si mescolavano generazioni e culture.
Non  amo gli apologeti degli anni passati e nemmeno la nostalgia, sono piuttosto appassionato a ciò che contribuisce all’accadere futuro

Ci siamo abituati a leggere e scrivere su Web, anche a dialogare. Trattasi tuttavia di dialogo asincrono.
Scrivere è come lanciare un messaggio nella bottiglia.
Forse il giorno dopo qualcuno ti risponde,  dialoga con te,  ti fa andare un pezzo più avanti, ti offre un nuovo punto di vista.
Il giorno dopo, qualcuno.

Lo spazio della rete è uno spazio peraltro magico. Abbatte la resistenza del corpo.
Il nostro corpo, la nostra fisicità talvolta funziona come una specie di resistore elettrico.
Il web sfonda, senza resistenze.
Ma tende a farci perdere l’allenamento al superamento delle resistenze, allo scontro dialettico, alla conseguente fusione di culture.
Abbiamo bisogno di aumentare il livello dello scontro/incontro tra identità.
Abbiamo bisogno di luoghi fisici, sincroni, per far incontrare uomini
Oltre alla rete

About The Author

Related posts

6 Comments

  1. elena

    se internet è una possibilità/opportunità in più è bene.
    se internet sostituisce è male.
    il nuovo non deve sostituire, dovrebbe invece prendere il testimone e fare un passo avanti.
    ma forse non lo abbiamo capito.

    Reply
  2. primlug

    Hai ragione condividiamo la visione degli spazi e della fisicità. Se riduciamo la socializzazione al solo contatto astratto attraverso la rete creiamo una dicotomia tra corpo e mente. E’ una necessità fisiologica il vedersi il toccarsi. Vinciamo la timidezza, quasi come non ci appartenesse, con rapporti virtuali. Non conosciamo il nostro vicino di casa, ci incontriamo e se ci sorridiamo ci sentiamo stupidi. Stiamo perdendo la capacità di cmunicare direttamente.

    La rete nasconde le bugie. Puoi essere ciò che non sei oppure ciò che veramente sei. E’ un mondo strano dove la comunicazione è ridotta, quindi, viziata. Mancano completamente parti importanti della comunicazione quali il linguaggio del corpo, la semantica, la semiotica.
    primlug

    Reply
  3. alessandro

    Primlug, sono convinto che la rete possa aprire spazi di socializzazione e abbattere a volte, resistenze alla comunicazione.
    Il rischio? Considerarla come un mezzo esclusivo o ancora peggio trasformare il mezzo con il fine.

    Reply

Rispondi