Tre domande per il futuro della propria impresa

Tre domande per il futuro della propria impresa
Sciogliere i nodi
Sciogliere i nodi

Abbiamo detto perché può essere opportuno porre nuove domande.

Qualche tempo fa, mi trovano davanti ad una delle tante strettoie della mia esperienza imprenditoriale;  una specie “selva oscura” . Era richiesto un atto di ripensamento per ritrovare la “diritta via”.  Che cosa è la diritta via?
Semplicemente la strada che porta ad un futuro più felice del presente. Non la via che porta immediati ed eclatanti successi ma quella che ti fa camminare ogni giorno verso un futuro migliore del presente. Quella via che quando ti da consapevolezza di aver fatto strada.

In quel momento sentivo che eravamo in molti a muoversi con incertezza. Mi venne in mente di rivolgere ai soci e a me stesso tre domande:

  • Quale futuro per me stesso?
  • Quale futuro auspichiamo per quest’azienda?
  • Quale problema ostacola questo futuro?

Le domande avevano a che fare tutte con il futuro. Ogni volta  che m trovo a scegliere tra. affidamento al futuro o ancoraggio al passato, privilegio a sempre il primo percorso.
Tutte le volte che mi trovo a misurarmi col tempo che scorre, mi sento attratto dal movimento verso il futuro.
Considero il futuro, di per sé, migliore del passato.
Considero il futuro come disvelatore di conoscenze, di opportunità, di occasioni per la realizzazione di me e del gruppo sociale di riferimento.
Considero il futuro il tempo aperto delle opportunità, delle occasioni.
E, vedo il futuro come un cammino verso condizioni del’uomo nuove, migliori, che può essere percorso attraverso azioni che sfidano la pianificazione del tempo breve, che sfidano l’interesse del tempo breve.
Credo che ogni uomo che popola questo mondo non trovi “ragioni di senso” semplicemente nella riproduzione delle proprie cellule e questo vale anche per la vita delle nostre imprese. Sono convinto altresì che il senso della nostra vita sia quello di offrire il nostro impegno per migliorare la vita di chi viene dopo di noi.

Se vi trovate in qualche “strettoia imprenditoriale” vi consiglio di fare a voi stessi, ai vostri colleghi e collaboratori domande simili. Per me è stato un momento di svolta.

About The Author

Related posts

Rispondi