Anticipare

Domenica, abbiamo organizzato un pranzo:  mamma , babbo, figli.
La sveglia ha suonato alle 9.00. Non tardi.
Una buona colazione burro e maarmellata.
Non tardi per alzarsi
Presto per avviare le manovre del pranzo.

Tagliatelle, ragù fatto in casa, stinco di maiale, spezzatino con patate.
Tempi di cottura circa 2 ore e mezzo.
Ore 9.30. Decido di inziare contravvenendo alla mia tendenza di avviare le attività sempre all’ultimo momento.

Metto il sugo sul fuoco, preparo lo stinco, tagliuzzo lo spezzatino avvio i fuochi.
La sequenza ordinata degli atti mi stupisce mi rasserena.
Non avevo un piano, avevo solo tempo.
E sentivo di avere il temppo di pensare a come far seguire gli atti.

Ieri mio figlio mi ha raccontato cose circa le materie d’esame.
Con un pò di preoccupazione: “devo studiare tante cose, come posso fare?”
Mi è tornato alla mente il mio pranzo dellla domenica mattina: “devi semplicemente iniziare”
Anticipare è una buona pratica.
Aiuta a raccogliere energie e ti da il tempo di sbagliare.

Domenica è stato un bel pranzo. INSIEME!

Esplora

Per fare tutto ci vuole un fiore

Per fare un tavolo ci vuole il legno, Per fare il legno ci vuole l’albero, Per fare l’albero ci vuole il seme,

Community? Se non lo fai tu lo fanno loro…

Qualche settimana fa abbiamo parlato di come possiamo evitare le frizioni nei processi di gestione della conoscenza. Abbiamo parlato delle teorie di gestione delle

2 risposte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.