Guidare imprese…

Guida
Guida

Quale futuro per me stesso ?

Non so se questa domanda accompagni i sonni notturni di coloro che si trovano impegnati in un impresa. Il tempo lungo dell’impresa richiede passo cadenziato e mal si concilia con chi non riflette anche al proprio personale futuro. E’ una domanda che deve veder impegnato il gruppo dirigente, perché solo attraverso la reciproca dichiarazione degli scopi è possibile creare “senso comune”.

Una domanda per tutti coloro che aspirano ad una felicità professionale che consenta l’espressione della nostra identità nelle cose che facciamo. Nelle imprese di valore si riconoscono  “pezzi  di noi ”  per la nostra vita di oggi e anche per le generazioni che arrivano dopo di noi. (altro…)

Continua a leggere

Tre domande per il futuro della propria impresa

Sciogliere i nodi
Sciogliere i nodi

Abbiamo detto perché può essere opportuno porre nuove domande.

Qualche tempo fa, mi trovano davanti ad una delle tante strettoie della mia esperienza imprenditoriale;  una specie “selva oscura” . Era richiesto un atto di ripensamento per ritrovare la “diritta via”.  Che cosa è la diritta via?
Semplicemente la strada che porta ad un futuro più felice del presente. Non la via che porta immediati ed eclatanti successi ma quella che ti fa camminare ogni giorno verso un futuro migliore del presente. Quella via che quando ti da consapevolezza di aver fatto strada.

In quel momento sentivo che eravamo in molti a muoversi con incertezza. Mi venne in mente di rivolgere ai soci e a me stesso tre domande:

  • Quale futuro per me stesso?
  • Quale futuro auspichiamo per quest’azienda?
  • Quale problema ostacola questo futuro?

(altro…)

Continua a leggere

Cose da non dimenticare per avviare “imprese”.

Qual’è la prima cosa da fare quando si avvia un progetto o si pensa alla costruzione di una nuova impresa ?

Per  partire vi racconto una storia.
Qualche tempo fa mi hanno chiamato per raccontare, ad un convegno, una testimonianza. Si trattava del caso di successo dell’azienda per cui ho ricoperto il ruolo di presidente per 6 anni. Una piccola azienda di 20 persone partita da zero, nata dal fallimento di una media azienda Toscana del settore IT.  Non ho raccontato di un generico caso di successo ma la storia di due insuccessi . Del primo sono stato vittima del secondo attore protagonista. (altro…)

Continua a leggere
  • 1
  • 2
Chiudi il menu