In questi giorni, sulle pagine dei giornali, divampa la polemica sui vizi privati e sulle aspettative personali dei vari personaggi della vita pubblica del nostro paese.
Stamani mentre ascoltavo la rassegna stampa il solito Feltri ottimo venditore di giornali  scagliava l’ennesimo strale contro il personaggio di turno. Fini accusato di avere mira per la carica di capo dello stato. Come al solito non si parla di politica.

Mi sono venute in mente due figure.
Le comari di paese e lo scaffale del supermarcato.

Era uso, nei paesi, dove tutti si conoscevano, parlare e sparlare su vizi privati e desideri personali di questo o quello. Alimentava la vita dei piccoli borghi, riempiva le serate intorno al fuoco. Oggi le nostre case non posseggono più il “canto del fuoco” e il chiacchierare fitto delle comari si è trasformato in gossip.

Ed il gossip, si sa, interessa. Trattasi di prodotto adatto per lo scaffale del nostro supermercato dell’informazione. Quando lo scaffale piange ecco  un bel direttore giornalista che rifornisce… lo scaffale.

Le cose di cui nutrirsi qualche anno fa erano frutto del lavoro di produzione. Oggi sono decise dal proprietario del supermercato.

Questo articolo ha 2 commenti.

  1. Eh sì.
    Tutto è gossip.
    Il gossip attorno a Silvio Berlusconi ne è un esempio attualissimo.
    Carla Bruni è più pubblica del marito.
    Tempo fa sentii dire sul treno: Chi? il Presidente francese? ahhhh si.. il marito di Carla Bruni… (…) GIURO …
    Tutto il resto è noia…. come cantava Franco Califano.
    E francamente mi unisco al coro..
    Noia noia noiaaaaaaaaaaaa
    Ciao Ale !!!! So che mi vuoi bene e ti arrabbi solo … pochino pochino.
    Bacio
    Cele

  2. Però Ale…. almeno un “vero ti voglio bene” potevi scriverlo…
    Noooo?
    ;-))

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Chiudi il menu