Prospettive

Stamani ore 8,30 un sole fresco e generoso illumina la mattina.
Esco d’istinto.
Abito vicino alle mure della città. Varco la porta, mi incammino verso la collina di San Miniato.
Non avevo mai percorso l’erta canina fino al viale Mchelangelo.
Durante la salita volgo lo sguardo all’indietro.
Il fianco della chiesa di Santa Croce sbuca tra una fronda di acacia,con una prospettiva mai vista.

Anche se abiti un luogo da molti anni, talvolta un cambio di prospettiva induce scoperte altrimenti ignote.
Accade per luoghi, cose e persone!

Esplora

Silenzio delle idee lunghe

tanti piccoli flebili suoni cantano un brusio di fondo accompagna costantemente  le ore della nostra giornata scrivo sul mio iPhone direttamente nella

Per fare tutto ci vuole un fiore

Per fare un tavolo ci vuole il legno, Per fare il legno ci vuole l’albero, Per fare l’albero ci vuole il seme,

Una risposta

  1. Non è con gli occhi che guardiamo le cose, ma con qualla cosa chiamata anima.
    E poi, vedere e gguardare, sono due cose differenti.
    Molte cose le vediamo, altre le guardiamo.
    Altre ancora non le vediamo nè guardiamo. Eppure ce ne sono alcune che le sentiamo.
    Senza vederle nè guardarle.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.