Salgo sul treno che mi conduce in ufficio, 8.38 per Lucca.

Mi fermo insolitamente al primo vagone. Un vagone declassato, ex prima classe.

Uomo, 45 anni circa, brizzolato, vestito con gessato grigio, tratti magrebini. Ha in mano un vecchio cellulare, inserisce una sim e cerca di fare una ricarica con una di quelle schede che si comprano in edicola. Non parla italiano, non riesce a seguire le indicazioni del call center. Con un inglese non chiarissimo ma sicuramente meglio del mio chiede aiuto. Eseguo l’operazioni di ricarica. Inizia a telefonare, un pò in arabo un pò in inglese, non capisco ne l’uno ne l’altro.

Servizio segreto? Terrorista?

Bah… semplice commesso viaggiatore!

Talvolta, quando non dieci a trovare risposte alle domande che emergono nel corso della tua vita, pensi che la strada sia complessa, insolita, articolata, difficile.

A volte è sufficiente ricorrere al buon senso.

Questo articolo ha 2 commenti.

  1. Quanto è vero! A volte le risposte sono lì, a portata di mano. Un antico proverbio cinese recita: il punto più in ombra è proprio quello sotto la lampada.

    1. Carissima Celeste,
      Ora ho capito perchè non ci capisco nulla…devo spengere un pó di lampade!!!
      🙂
      Buon anno!!!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Chiudi il menu